Amministrazione trasparente
PON
PIANO FORMAZIONE DOCENTI 2016-2019 AMBITO MARCHE AP0003
Scuola in chiaro
PNSD
Segreteria Digitale
PIANO FORMAZIONE ATA

L'istituto


Organizzazione


Didattica


AttivitÓ e Progetti


Servizi on-line


Trasparenza


Varie


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 131
Fine colonna 1
 

Vi presento Montaigne! Gli studenti del Liceo Trebbiani presso la Libreria Rinascita

I Ragazzi del Liceo Linguistico E. Trebbiani presentano:

"Sono socievole fino all'eccesso. Vita di Montaigne"

Gli studenti della classe 3E del Liceo Linguistico "Trebbiani" in occasione dell'attività di Alternanza Scuola-Lavoro ci presentano l'opera, con la partecipazione della classe 4A del Liceo Economico Sociale che aveva aderito al progetto “Scrittori a scuola”.

Moderatrice: Professoressa Alessandra Di Lorenzo

Vita di Montaigne

Evita gli impegni mondani, il potere è per lui un piacere fiacco; è sempre in cerca di cose nuove e sconosciute.
Ha un amico, La Boétie. Con lui, si abitua a essere in due dappertutto, e la sua morte lo lascia a metà. Non siamo mai un uno, siamo sempre la metà di qualcos'altro, siamo tante metà, dieci metà o quindici metà.
Un navigatore porta tre indigeni americani alla corte del re: Montaigne vuol sapere cosa pensano di noi. Pensano che è strano che metà della popolazione sia satura di agi, e l'altra metà sia bisognosa, smagrita dalla fame e dalla povertà; ancora più strano che le metà bisognose non diano fuoco alle case delle metà agiate.
La giustizia del resto non funziona, troppe leggi allontanano dalla verità. Adottiamo una nuova formula di sentenza: “La corte non ci capisce niente”.
In tempi di guerre civili, spiazza i nemici trattandoli da amici, vuole inventare possibilità di ‘non guerra'.
Il padre era un uomo forte, e d'ingegno molto fine; invece di lasciargli in eredità il suo senso pratico, gli lascia il mal della pietra.
Le coliche sono lunghe e penose, gli tolgono la voglia delle donne. Montaigne diffida dei medici, dice che ci insegnano a star male per imporci la loro autorità. Quel che ci piace ci fa bene, così lui si mette in viaggio: Parigi, Svizzera, Germania e poi l'Italia. E di locanda in locanda, di terme in terme, un susseguirsi di acque, dolori, stranezze e meraviglie; la felicità di un uomo curioso del mondo fino all'ultimo respiro.

Lo sguardo limpido di Ugo Cornia incontra lo sguardo limpido di Montaigne: parole e pensieri attraversano i secoli, freschi e sovversivi, e al ritmo di una bella cavalcata inizia l'avventura.

SABATO 1 APRILE 2017  ore 11.15
SALA CONFERENZE LIBRERIA RINASCITA

 

 


Categoria: AttivitÓ Extracurricolari Data di creazione: 28/03/2017
Sottocategoria: Eventi e incontri Ultima modifica: 09/04/2017 17:38:47
Inserita da: webmaster Pagina vista 129 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T